Materiale didattico e informativo, Sostegno Italiano ✓ Didattica Facile Italiano - SostegnO 2.0

La Frase Minima: Schede Didattiche per la Scuola Primaria

Analisi logica: la frase minima. Che cos’è la frase? Come si riconosce la frase minima? – Italiano per bambini di Scuola Primaria

Ecco alcune definizioni di frase minima:

  • La frase minima è costituita da due elementi: un soggetto e un predicato. Nelle frasi che scrivete potete aggiungere altri particolari.
  • La frase minima è composta da un nome (chi compie l’azione) e da un verbo (qualeazione compie). Es. Il cane abbaia.
  • La frase minima è formata dal soggetto e dal predicato che sono gli elementi fondamentali della frase. Es: Il gatto miagola.

Ognuna di queste definizioni ha una sua plausibilità, ma nessuna è completa e rigorosa, specialmente se si riflette sugli esempi che vengono presentati a sostegno delle singole definizioni.

Esiste anche un’altra definizione tenuta ferma l’idea che la frase minima sia la parte più piccola di una frase o di un testo che abbia senso compiuto, una prima ipotesi di formalizzazione potrebbe essere:

Una frase minima di senso compiuto è composta di soggetto e predicato e il predicato è identificabile con
il verbo
”.

“Una frase minima di senso compiuto è composta di soggetto e predicato e il predicato è identificabile con
il verbo”.

Anche altri tipi di espressioni mettono in discussione la definizione di frase minima:

  • Il cane ha infilato il muso
  • Il babbo ha messo la pentola
  • Giuliana ha dato il quaderno

In questi esempi i verbi sono transitivi e il complemento oggetto è espresso, ma il verbo per predicare ha bisogno di un ulteriore completamento, di un complemento preposizionale. Esempi

  • Il cane ha infilato il muso sotto il letto.
  • Il babbo ha messo la pentola sul fuoco.
  • Giuliana ha dato il quaderno a Luigi.

Anche il predicato nominale a volte non è sufficiente da solo a predicare qualcosa intorno al soggetto, perché in certi casi un aggettivo che ne costituisca la parte nominale, richiede un elemento che ne completi il significato. Anche su questo punto, dunque, la regola è messa in discussione. Le espressioni:

  • Giorgio è amico
  • La mia auto è uguale
  • Maria è desiderosa, richiedono, infatti, un completamento:
  • Giorgio è amico di tutti/mio/di Anna ecc.
  • La mia auto è uguale alla tua/ a quella di Andrea ecc.
  • Maria è desiderosa di partire/di rivederti ecc.

A questo punto, dunque, la regola potrebbe così essere messa a punto:

Una frase minima di senso compiuto è composta di soggetto e predicato. Il predicato è costituito o da un
verbo predicativo (predicato verbale), o da un verbo copulativo accompagnato da un nome o da un aggettivo
(predicato nominale) e da altri elementi richiesti dal predicato stesso per dare alla frase senso compiuto
”.


Potete scaricare e stampare gratuitamente le Schede Didattiche di Italiano sulla Frase minima, basta cliccare sul pulsante ‘Download‘ in alto all’articolo.

Cosa si intende per frase minima?

La frase minima è la frase più breve che si possa fare, dotata di un senso. In una frase, perché abbia un senso, devono essere chiari (anche se non espliciti), almeno due elementi: il soggetto e il predicato.

Come spiegare la frase minima ai bambini?

Gli elementi essenziali della frase:

Soggetto e predicato: bastano due elementi per comporre la frase minima! Il soggetto è la persona o la cosa che compie o subisce l’azione espressa dal predicato, ossia il verbo. Nell’esempio “Luca corre” Luca è il soggetto e corre il predicato che ci dice cosa fa Luca.

Come capire se una frase è minima?

La frase minima è la forma base della frase semplice. Contiene solo gli elementi essenziali, quali il predicato (verbo) e il soggetto, senza altre informazioni aggiuntive. È dotata di significato, cioè è capace di comunicare qualcosa di senso compiuto.

Che differenza c’è tra la frase minima e la frase semplice?

Esempio: Laura dorme. – La frase semplice è invece una proposizione formata da un solo e un soltanto verbo, dal soggetto e da altri elementi detti “espansioni” (complemento, attributo…). Quindi, in pratica, presenta i due elementi essenziali della frase minima ma con qualcosa in più.

La Frase Minima – Italiano grammatica classe 2° per la Scuola Primaria

Back to list

ULTIMI ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *