Come aiutare mio figlio a studiare?

Come aiutare mio figlio a studiare?
Scuola Primaria

Quante volte vi siete chiesti “come aiutare mio figlio a studiare”? I bambini vanno educati all’amore per lo studio e perché questo amore entri in circolo necessitano di un’enorme dose di pazienza che solo la collaborazione di una mamma e di un papà riescono a generare. Spesso sono svogliati quando si tratta di riaprire i libri con cui hanno avuto a che fare una giornata intera, basterà mostrarsi disponibili, aiutarlo a comprendere l’importanza dello studio anche durante le ore pomeridiane.

Aiutare il bambino a fare i compiti: Come comportarsi?

Come comportarsi quando i bambini diventano schivi e cominciano a fare i capricci? Parole d’ordine: pazienza e disponibilità. Quando scalpiterà perché è impaziente di raggiungere i suoi amichetti, ricordiamoci di rincuorarlo seguendo il vecchio ma utile proverbio “prima il dovere poi il piacere” ovvero, prima i compiti poi un giusto e sano svago in buona compagnia. Anche il gioco è fondamentale: lo aiuterà a staccare dalla quotidianità liberando energie più creative.

Come fare ad aiutare il bambino a fare i compiti a casa?

Aiutare il bambino a fare i compiti non è un gioco da ragazzi e neppure un gioco, fa parte delle mille imprese genitoriali con cui una mamma e un papà combattono quotidianamente. I consigli funzionali alla riuscita dell’obiettivo? Non alzare la voce, il bambino ha bisogno di capire che i compiti sono importanti e la calma è fondamentale. Radio, tv e videogiochi lontani durante lo svolgimento delle attività di studio. Si alla logica dei premi: ad es. “se fai bene i compiti potrò ricompensarti con una caramella, una passeggiata e perché no un giro al parco giochi”. Vedrete che pian piano capirà che l’impegno pomeridiano dedicato allo studio è fondamentale per il suo futuro.

Aiutare il bambino a fare i compiti – Consigli per i genitori

Rispondi