20 Maggio – Giornata Mondiale delle api

20 Maggio – Giornata Mondiale delle api

La Giornata mondiale delle api è una giornata internazionale, che si celebra il 20 maggio di ogni anno,  per sensibilizzare sulla minaccia che incombe su questi piccoli insetti, essenziali per il nostro ecosistema, ma in pericolo. Non solo, infatti, le api producono miele, ma sono anche fondamentali per l’impollinazione di moltissime specie. Si definiscono insetti pronubi e per colture come il mandorlo, lo zucchino e il peperone svolgono un ruolo fondamentale rendendo possibile l’impollinazione e la formazione dei frutti.

Le api sono costantemente minacciate dagli effetti combinati dei cambiamenti climatici, dell’agricoltura intensiva, dei pesticidi, della perdita di biodiversità e dell’inquinamento, e la cui riduzione costituisce motivo di preoccupazione per la sicurezza alimentare delle future alimentazione.

E’, quindi soprattutto l’uomo la minaccia più grande per le api: la loro sopravvivenza è a rischio a causa dall’antropizzazione del loro habitat. All’interno dell’Unione europea si é discusso moltissimo sui neonicotinoidi, sostanze utilizzate per la concia delle sementi che secondo alcuni studi sarebbero una delle cause della moria di api che sta colpendo l’occidente.

La Giornata Mondiale delle api nasce con l’obiettivo di suscitare la curiosità e l’interesse, stimolare la conoscenza e la divulgazione della  vita delle api e di tutti i benefici che esse elargiscono agli uomini.

20 Maggio – Giornata Mondiale delle api: Le Origini

L’Assemblea generale della Nazioni Unite ha deciso che dal 2018 il 20 maggio sarà la Giornata Mondiale delle api. Gli Stati che fanno parte dell’Assemblea hanno, infatti, accolto una proposta della Slovenia che ha voluto ricordare a tutti l’importantissimo ruolo svolto da questi insetti. La risoluzione è stata co-sponsorizzata da 115 Stati membri delle Nazioni Unite, tra cui Stati Uniti, Russia, Canada, Cina, India, Brasile, Argentina, Australia e Unione europea.

20 Maggio – Giornata Mondiale delle api

Rispondi