Il Gracchio e i Colombi: Favola di Esopo per Bambini

Il Gracchio e i Colombi – Favola di Esopo per bambini
Scuola Primaria

Il Gracchio e i Colombi: la Favola di Esopo completa

<<Mentre un Gracchio volava in giro alla ricerca di qualcosa da mangiare vide una piccionaia dove decine di colombi stavano mangiando semi di grano. volontà. Tra se e se disse: Io devo faticare per cercare cibo, sempre di qua e di la, loro invece senza nessuna fatica continuano a mangiare ogni cosa. Notò un secchio con dentro vernice bianca lasciata su una panchina, si ci mise dentro e ne uscì tutto bianco, dopo essersi asciugato andò dove vie erano i piccioni. Questi non si accorsero della sua presenza e pensavano fosse uno di loro, così mangiarono tutti insieme quando però il gracchiò non aprì becco per parlare, la sua voce si notò subito che era diversa da quella dei colombi. I colombi capirono che era un intruso e lo cacciarono via. Umiliato per essere stato mascherato pensò di ritornare dai suoi ma quando lo videro i suoi vecchi compagni non lo riconobbero, era bianco come i colombi e lo cacciarono via anche loro. Il povero gracchio che aveva desiderato la roba degli altri era stato costretto a rinunciare anche. a quello che gli sarebbe spettato di suo diritto.>>

— Fine della favola “Il Gracchio e i Colombi” —

La morale della Favola di Esopo: Il Gracchio e i Colombi

Come insegna la morale della favola Il Gracchio e i Colombi“: bisogna accontentarsi di quello che si ha perchè l’avidità ci può far perdere anche quello che è sempre stato nostro.

La Favola di Esopo: Il Gracchio e i Colombi è stata riadattata e la potete proporre ai bambini della Scuola Primaria.

Potete scaricare la Storia e i Disegni della favola ‘Il Gracchio e i Colombi‘ in maniera gratuita cliccando sul tasto “Download” che trovate in alto.

Il Gracchio e i Colombi – Favola di Esopo per bambini

Il Contadino e l’Aquila: Favola di Esopo per Bambini

Il Contadino e l’Aquila – Favola di Esopo per bambini
Scuola Primaria

II Contadino e l’Aquila: la Favola di Esopo completa

<<Mentre un contadino stava tornando a casa, notò che tra l’era vi era qualcosa di grosso e scuro, avvicinandosi si accorse che si trattava di un’aquila presa al laccio.- Povera te, cosa ti hanno fatto!- esclamò. Non posso vedere un esasperare bello come te soffrire in questo modo, sei fatta per essere libera e così dicendo liberò l’aquila dal laccio e la lasciò andare verso il cielo azzurro. Il giorno dopo, facendo tanto caldo, il contadino stava risposando su un tronco appoggiato su un muro pieno di crepe con un fazzoletto inzuppato d’acqua fresca. Improvvisamente arrivò sopra di lui l’aquila che con i suoi artigli, senza graffiarlo prese il fazzoletto e andò via. Il contadino iniziò a gridare:- torna indietro! cosa ti scappa in mente!ridammi il fazzoletto! L’aquila dopo averlo fatto correre per un pezzetto, lanciò cadere il fazzoletto, il contadino lo raccolse e se lo mise di nuovo attorno alla testa e indispettito da quel gesto tornò indietro. Arrivato al tronchetto dove era prima si accorse che invece del muretto c’era un ammasso di polvere e macerie. Così capì che l’aquila, guidata da una testo senso, aveva previsto il pericolo e aveva cercato di salvarlo rubandogli il fazzoletto..>>

— Fine della favola “II Contadino e l’Aquila” —

La morale della Favola di Esopo: II Contadino e l’Aquila

Come insegna la morale della favola II Contadino e l’Aquila“: così dovrebbero comportarsi tutti quando ricevono del bene da qualcuno: ricambiandolo al momento giusto.

La Favola di Esopo:III Contadino e l’Aquila è stata riadattata e la potete proporre ai bambini della Scuola Primaria per insegnargli che bisognerebbe ricambiare il bene fatto da qualcuno con altrettanto bene.

Potete scaricare la Storia e i Disegni della favola ‘II Contadino e l’Aquila‘ in maniera gratuita cliccando sul tasto “Download” che trovate in alto.

II Contadino e l’Aquila – Favola di Esopo per bambini

Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto: Favola di Esopo per Bambini

Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto – Favola di Esopo per bambini
Scuola Primaria

Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto: la Favola di Esopo completa

<<Un capretto, era rimasto isolato dal gregge e si ritrovò inseguito da un lupo affamato. Il capretto spaventato pensava di avere scampo ma penso di giocare di astuzia e disse al lupo:- mio caro lupo, io sono destinato a telerò fammi un ultimo favore! amo la danza e prima di morire vorrei tanto danzare nel bosco per l’ultima volta Suona il flauto, io danzerò…- I l lupo pensò che fosse solo un ultimo desiderio e cominciò a suonare il flauto. La musica si sparse nel bosco e i cani la udirono, improvvisamente balzarono sopra il lupo che mentre suonava non li avevo sentiti In questo modo, il capretto riuscì a salvarsi e il lupo fu costretto a scappare dicendo tra se. use:- ben mi sta io che sono cacciatore mi sono improvvisato musicista e così ho perso il pranzo che mi ero guadagnato.>>

— Fine della favola “Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto” —

La morale della Favola di Esopo: Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto

Come insegna la morale della favola Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto“: succede di essere ingannati da persone apparentemente fragili, si rivelano invece astute e opportuniste.

La Favola di Esopo: Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto è stata riadattata e la potete proporre ai bambini della Scuola Primaria.

Potete scaricare la Storia e i Disegni della favola ‘Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto‘ in maniera gratuita cliccando sul tasto “Download” che trovate in alto.

Il Capretto e il Lupo che suonava il flauto – Favola di Esopo per bambini

Il Cervo e la vite: Favola di Esopo per Bambini

Il Cervo e la vite – Favola di Esopo per bambini
Scuola Primaria

Il Cervo e la vite: la Favola di Esopo completa

<<Siamo a fine settembre e è periodo di caccia. I cacciatori hanno avvistato un cervo che cerca di scappare ma non riesce a trovare un rifugio dove nascondersi. I cacciatori la inseguono ma alla fine il cervo trova rifugio vicino una vite ricca di foglie e di grappoli d’uva quasi matura- finalmente un posto dove nascondermi, le foglie sono grandi e hanno ormai un bel colore rossiccio con il mio manto si può confondere. Mentre era accovacciato sotto la vite, passa inosservato agli occhi dei cacciatori non appena costoro arrivarono nel luogo. Illuso di averla passata liscia, quando gli sembrò che le voci si fossero dileguate iniziò a brucare le foglie della vite. Intanto un cacciatore che stava continuando a perlustrare tutta la zona, a un certo punto si accorse che qualcosa faceva muovere e crepitare le foglie, guardò meglio e subito gridò:- venite qui, l’ho trovato I cacciatori allora accerchiarono la povera bestia terrorizzata e per lei non ci fu più scampo- – il povero cervo tra se e se disse:- non dovevo mangiare questa vite così generosa che mi aveva salvato.>>

— Fine della favola “Il Cervo e la vite” —

La morale della Favola di Esopo: Il Cervo e la vite

Come insegna la morale della favola Il Cervo e la vite“: chi ricambia un bene con un male deve aspettarsi il giusto castigo.

La Favola di Esopo: Il Tordo è stata riadattata e la potete proporre ai bambini della Scuola Primaria.

Potete scaricare la Storia e i Disegni della favola ‘Il Cervo e la vite‘ in maniera gratuita cliccando sul tasto “Download” che trovate in alto.

Il Cervo e la vite – Favola di Esopo per bambini

Il Naufrago e il mare: Favola di Esopo per Bambini

Il Naufrago e il mare – Favola di Esopo per bambini
Scuola Primaria

Il Naufrago e il mare: la Favola di Esopo completa

<<Un pescatore, era partito con la sua arca mentre il mare era calmo. All’improvviso si accorse che si stavano formando grossi cavalloni infatti in pochi minuti si scatenò una burrasca spaventosa, la barca si rovesciò e il pescatore fece fatica a restare a galla ma riuscì ad arrivare in spiaggia. Esausto crollò in un sonno profondo e al suo risveglio e al ricordo di quello che era successo iniziò a imprecare contro il mare:- vigliacco, traditore, ci trai quando sei calmo; noi ci affidiamo tranquilli e poi fai il voltafaccia, ti infuri e ci distruggi. Il mare, intanto era tornato calmo, prese le sembianze di una persona e rispose:-non è mia la colpa di quello che succede, sono i venti i veri responsabili che invidiosi della mia tranquillità, quando meno me lo aspetto mi saltano addosso e mi fanno infuriare.>>

— Fine della favola “Il Naufrago e il mare” —

La morale della Favola di Esopo: il Naufrago e il mare

Come insegna la morale della favola Il Naufrago e il mare“: chi esegue un ordine malvagio non è il vero colpevole dei guai che combina, lo è invece chi glielo impone.

La Favola di Esopo: Il Naufrago e il mare è stata riadattata e la potete proporre ai bambini della Scuola Primaria.

Potete scaricare la Storia e i Disegni della favola ‘Il Naufrago e il mare‘ in maniera gratuita cliccando sul tasto “Download” che trovate in alto.

Il Naufrago e il mare – Favola di Esopo per bambini