5 Ottobre – Giornata mondiale degli insegnanti

5 Ottobre – Giornata mondiale degli insegnanti

Oggi, 5 ottobre, si celebra la Giornata Mondiale degli Insegnanti. Dal 1994, ogni 5 ottobre vengono commemorate le organizzazioni di insegnanti di tutto il mondo. Tale giornata permette di riflettere sul ruolo importante e difficile degli insegnanti e sulle tante sfide che quotidianamente essi si trovano ad affrontare.

E’ opportuno ricordare che le Nazioni Unite, tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, riconoscono gli insegnanti come soggetti chiave per favorire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva. Tra gli Obiettivi comuni che i 193 Paesi membri dell’Onu si sono impegnati a raggiungere entro il 2030, un posto di rilievo è occupato dalla funzione educativa dei docenti i quali sono investiti, tra le altre cose, della responsabilità di portare in classe i valori dell’Agenda 2030. Si tratta di un compito singolare che dovrebbe solo accrescere l’importanza che da sempre ha avuto questo mestiere, il nostro.

Continua a leggere

Si può diventare insegnante di sostegno con il solo diploma?

Si può diventare insegnante di sostegno con il solo diploma?

L’insegnante di sostegno è un docente in possesso di una specializzazione per le attività di sostegno, che viene assegnato alla classe in cui è stato inserito almeno un alunno con disabilità, per promuovere l’integrazione al suo interno (L. 104/1992).

Insegnante di sostegno nella Scuola dell’infanzia e nella Scuola primaria con il solo diploma

Nel Decreto n. 92 del 08/02/2019 il MIUR ha indicato quali sono i requisiti di accesso per i corsi di specializzazione per il sostegno.

Per diventare insegnante di sostegno nella scuola primaria i titoli validi sono:

  • Laurea in Scienze della Formazione Primaria;
  • Diploma magistrale (conseguito entro l’anno scolastico 2001/2002 o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia). Per quanto riguarda il Diploma magistrale, sono validi anche:
    • Diploma sperimentale a indirizzo psicopedagogico;
    • Diploma sperimentale a indirizzo linguistico.

Il diploma di magistrale conseguito dopo l’anno scolastico 2001/2002 non è un titolo valido per l’accesso all’insegnamento, mentre il diploma triennale di scuola magistrale è idoneo per la partecipazione al concorso per scuola dell’infanzia.

Sono ammessi con riserva gli aspiranti docenti di sostegno che hanno conseguito il titolo all’estero e hanno presentato la domanda di riconoscimento agli uffici della Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e valutazione nazionale del sistema di istruzione.

Continua a leggere

4 Ottobre – Giornata mondiale degli animali

4 Ottobre – Giornata mondiale degli animali

Oggi 4 ottobre è la Giornata mondiale degli animali (World Animal Day) dedicata esclusivamente alla tutela e all’azione per i diritti e il benessere degli animali.

Promossa e istituita dallo scrittore tedesco Heinrich Zimmermann nel 1925, allineata successivamente con il giorno dedicato alla memoria liturgica di San Francesco D’Assisi, santo protettore degli animali e del creato.

Anche se la presenza degli animali nelle case degli italiani è in calo del -10%, in una su tre vi si trova almeno un cane o un gatto, spesso provenienti da un canile o gattile. Crisi o non crisi, per molte persone la presenza di un animale domestico tra le pareti domestiche resta parte imprescindibile del vivere quotidiano. 

Continua a leggere

4 Ottobre: San Francesco Disegni da Colorare per Bambini

Disegni da Colorare per San Francesco
Scuola Primaria e Scuola Infanzia

Per bambini di Scuola Primaria e Scuola Infanzia: Disegni da Colorare per San Francesco

La Storia di San Francesco raccontata ai bambini:

<<La storia narra di un giovane straordinario vissuto in un’epoca molto lontana, popolata da principi e valorosi cavalieri, che sui loro magici destrieri sfidavano il destino armati di spade che fendevano il vento. Il giovane si chiamava Francesco ed era figlio di un ricchissimo commerciante di Assisi. Come tutti i ragazzi della sua età amava frequentare feste e stare in compagnia. Ben presto, però, si accorse che tutte queste cose non lo rendevano felice.In una notte misteriosa, proprio quella che precedeva la sua partenza per le crociate, udì in sogno una voce che lo invitava ad abbandonare le attività inutili per seguire la Verità, il Bene, la Giusta Via. Ma quale fosse la giusta via non era chiaro…. Francesco ricevette la risposta in sogno: avrebbe dovuto ricostruire la Chiesa di Cristo ormai in rovina. Fu così che decise di spogliarsi di tutti i suoi averi, restituendo al padre i suoi abiti e scegliendo così la Povertà.Francesco iniziò una nuova vita, un lungo cammino di privazioni e di aiuto verso i più deboli e i diseredati. Vestito solo di stracci e sofferente per la fame, viaggiava predicando  la bellezza del creato e la grandezza di Dio. Le sue parole raccontavano l’amore profondo per tutte le cose, uomini, animali e piante. Questo uomo prodigioso che parlava agli uccelli era in grado di rendere mansueto un lupo perchè credeva fermamente nella forza della fede e nella vittoria del Bene sul Male.

Molto presto fu in grado di attirare molti seguaci, fra cui anche delle donne. Ma la Chiesa ricca ed opulenta, non vedeva di buon occhio questo ragazzo rivoluzionario che predicava la povertà, criticando le contraddizioni della condotta ecclesiastica e di lì a poco lo accusò di eresia. Francesco dovette recarsi di fronte al Papa per rendere conto del suo operato. Alla fine Innocenzo III comprese il valore di quei missionari che, ripudiando ogni bene materiale, combattevano i mali della società con la sola forza dell’amore e del perdono. Il 16 aprile del 1210 nacque l’ordine dei francescani che ancora si adopera in nome della fratellanza, praticando il Vangelo. Nel 1228 Francesco venne riconosciuto Santo. >>

San Francesco ci insegna ancora oggi che l’Amore è l’arma più potente che l’uomo ha a disposizione e che il perdono potrebbe evitare l’insorgere di qualsiasi inutile guerra.

Potete scaricare e stampare Disegni da Colorare per San Francesco gratuitamente cliccando sul tasto in alto “Download“.

Festa di San Francesco: Disegni da Colorare per bambini di Scuola Primaria e Scuola Infanzia

La Regola delle 3 R per bambini di Scuola primaria: Riciclare, Ridurre, Riutilizzare

Regola delle 3 R per bambini
Scuola Primaria

La regola delle 3 R per bambini di Scuola Primaria: Riciclare, Ridurre, Riutilizzare

In questo articolo trovate una breve descrizione sulla regola della regola delle 3 R per spiegare ai bambini quanto sia importante: Riciclare, Riutilizzare, Ridurre e quindi Recuperare. In particolare lo schema che trovate sulle 3 R potete scaricarlo e stamparlo in maniera gratuita. Spiegare ai bambini che i prodotti possono avere una seconda vita quindi non bisogna sprecare ma piuttosto riutilizzare i prodotti e donare ai più bisognosi ciò che a noi non serve più.

Ogni giorno, produciamo una quantità di rifiuti che aumenta sempre di più. Eliminarli, diventa sempre più difficile e deve essere fatto in maniera corretta per evitare di provocare danni all’ambiente. Come fare?

Prima di tutto, iniziare a parlarne ai bambini, fin dalla Scuola dell’infanzia, i bambini possono imparare la regola delle 3 R e quindi possono imparare a Riciclare, a Riutilizzare il materiale creando lavoretti con attività pratico-manipolativi e Ridurre quindi lo spreco. Dopo averne parlato insieme potete trascorrere del tempo insieme ai bambini facendoli divertire con uno di questi lavoretti che potete vedere nei video che trovate sotto.

Continua a leggere