Materiale didattico e informativo, Sostegno Cittadinanza ✓ Didattica Facile Cittadinanza - SostegnO 2.0

Educazione finanziaria per bambini di Scuola Primaria

L’educazione finanziaria è importante perchè aiuta a prendere decisioni corrette nella gestione dei propri risparmi e negli investimenti, inoltre permette di compiere le scelte giuste anche quando bisogna aprire un conto corrente, scegliere una carta di credito, ecc.

Com’è fatto l’euro: monete e banconote – Educazione finanziaria per bambini di Scuola Primaria

Le banconote in euro sono in 7 tagli: 5, 10, 20, 50, 100, 200 e 500 euro. Sono state progettate tenendo conto delle esigenze delle persone ipovedenti e non vedenti, con colori e dimensioni molto diverse fra loro. Si stampano in tanti Paesi differenti, ma sono tutte uguali tra loro: per capire da dove vengono occorre cercare una minuscola sigla con due lettere e quattro numeri, rinchiusa in un rettangolino sul davanti, e leggere la prima lettera. Quelle stampate in Italia hanno una S.

Le monete in euro sono invece coniate da ogni Paese con decorazioni diverse, anche se hanno ovunque gli stessi valori: 1, 2, 5, 10, 20 e 50 centesimi, 1 e 2 euro. Alcuni Paesi, tra cui l’Italia, non coniano più le monete da 1 e 2 centesimi.
Il lato con il valore è uguale in tutta l’area dell’euro, ma l’altro lato varia di stato in stato. Nelle monarchie, come in Spagna e in Belgio, c’è spesso una raffigurazione del re. Altre nazioni hanno personaggi, monumenti o altri elementi che ricordano la propria tradizione e la propria terra. Provate a chiedere ai bambini se ricordano alcune delle immagini raffigurate sui vostri euro e se sanno davvero che cosa rappresentano.

Pagamenti e acquisti in euro

Le monete in euro e le banconote in euro non sono le uniche modalità di pagamento che abbiamo a disposizione se volete comprare qualcosa, esistono gli assegni, i bonifici, la carta di debito, la carta di credito e le carte prepagate. La considerazione di base è che i mezzi di pagamento in euro alternativi al contante sono sicuri: quest’ultimo può essere rubato e perso per sempre, mentre basta una telefonata alla banca per bloccare una tessera elettronica o un libretto degli assegni che è stato rubato o che si è perso.

Per disporre di alcuni mezzi di pagamento in euro è necessario avere un conto di pagamento. In questa sorta di grande salvadanaio virtuale i clienti possono versare o far versare soldi e riprenderli a loro comodo. Ogni conto è identificato da un codice alfanumerico che si chiama IBAN. Come qualsiasi altro prodotto o servizio, anche il conto ha un costo: perciò è importante, quando si apre un conto, leggere bene il contratto che lo disciplina. È molto importante, inoltre, tenere d’occhio l’estratto conto, ovvero il documento che contiene il riepilogo dei movimenti dell’ultimo periodo: soprattutto se usate molto le tessere elettroniche, senza vedere materialmente i soldi che escono dal vostro portafogli, potreste arrivare a spendere grosse cifre senza neppure accorgercene, se non quando è troppo tardi.


Potete scaricare e stampare gratuitamente una utile Guida per gli insegnanti di Scuola Primaria, creata dalla Banca d’Italia con Schede Didattiche ed Esercizi sull’Euro: ‘Educazione finanziaria per bambini di Scuola Primaria‘. Basta cliccare sul pulsante ‘Download‘ in alto all’articolo.

Che cos’è l’educazione finanziaria e perché è importante? – Educazione finanziaria per Scuola Primaria

Back to list

ULTIMI ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *