21 Novembre – Festa degli Alberi Disegni, Poesie e Filastrocche

21 Novembre – Festa degli Alberi Disegni, Poesie e Filastrocche per bambini
Scuola dell’Infanzia e Scuola Primaria

Il 21 Novembre è la Festa dedicata agli Alberi e anche i bambini di Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria possono celebrarla attraverso canzoncine, filastrocche e disegni.

Si tratta di una Festa introdotta nel nostro Paese già sul finire dell’Ottocento, ma che ha radici antichissime: gli alberi, simbolo della natura e della sua forza, vengono celebrati dagli uomini sin dalla Preistoria. Questa Festa riveste un’importanza cruciale nell’educazione ecologica delle nuove generazioni: specialmente in Italia, è necessaria una nuova coscienza ecologica, volta a tutelare e preservare il nostro patrimonio naturalistico.

Di seguito trovate una raccolta di Poesie sugli Alberi che potete fare insieme ai vostri bambini.


Alberi 

Non credo che vedrò mai
una poesia bella come un albero.
Un albero la cui bocca bramosa sia attaccata
al dolce seno fluente di madre Terra.
Un albero rivolto a Dio per tutto il giorno,
che innalza al cielo le sue frondose braccia
in segno di preghiera.
Un albero che in estate può indossare
un nido di pettirossi tra i capelli.
Sopra il cui cuore la neve si stende leggera,
che vive intimamente con le piogge.
Le poesie sono scritte dagli sciocchi come me,
ma solo Dio può creare un albero.

(Autore – Joyce Kilmer)

Amico albero
Le mie radici scendono giù
sotto la terra sempre di più.
Mi prendo l’acqua, mi nutro da qui
e resto fermo, fermo così!

Guarda il mio fusto che mi sostiene,
quant’è robusto, sto proprio bene!
È tutto legno, tocca anche tu,
sopra è la chioma, guarda lassù.

Nato da un fiore, che poi è un frutto
dal frutto al seme e questo è tutto.
Il seme piantato mi ha dato la vita
e sono un albero, è una storia infinita!

(Autore – D. Olioso)

Nel bosco
Nel bosco ogni vecchio gigante
sia abete, sia quercia, sia pino,
ha intorno, ai suoi piedi, un giardino
di piccole piante.
Son muschi, son felci, son fiori,
e fragole rosse e lichene
cui l’albero antico vuol bene
suoi teneri amori.
E mentre le fronde superbe
protende più su verso i cieli
ei pensa a quegli umili steli
nell’ombra, fra l’erbe.

(Autore – L. Schwarz)

Gli alberi

Dove sono gli alberi qui la vita trova
cento beatitudini: fiori, frutti, ombre,
profumi, canti, colori, ricchezze, salute…

 Sui pendii montani ove si torce, battuto
dai venti e ferito dalle folgori, l’albero
ghermisce con le radici la terra e l’aiuta
dalle frane; rompe col tronco tenace il peso
sdrucciolevole delle nevi ed evita le valanghe;
contende le prode al ruinoso torrente; fiacca
i venti, protegge dalle piogge improvvise e
dal sole meridiano i pastori e i greggi.

 A valle, vive sui margini dei poderi e delle
colture. Segue le strade; si sporge dal muro
degli orti; stormisce lungo argini e canali; si
lascia abbattere, spartire in ceppi e fascine,
in tavole bianche che il falegname sega,
incide, inchioda per la vita e per la morte.

(Autore – Di Renzo Pezzani)

Il testamento dell’albero
Un albero d’un bosco
chiamò gli uccelli e fece testamento:
“Lascio i miei fiori al mare,
lascio le foglie al vento,
i frutti al sole e poi
tutti i semetti a voi,
a voi, poveri uccelli,
perchè mi cantavate la canzone
della bella stagione…
E voglio che gli stecchi,
quando saranno secchi,
facciano il fuoco per i poverelli.

 (Autore – Trilussa)

Potete scaricare e stampare Disegni, Poesie e Filastrocche sulla Festa degli Alberi gratuitamente cliccando sul tasto “Download“.

Disegni, Poesie e Filastrocche per la Festa degli Alberi – Scuola Infanzia e Scuola Primaria

Rispondi