Sostegno BES ✓ Didattica Facile BES - SostegnO 2.0

Come riconoscere il Deficit di attenzione nel Bambino

Come riconoscere il Deficit di attenzione nel bambino

I bambini con disturbo da deficit di attenzione hanno spesso difficoltà di concentrazione e apprendimento. L’ambiente scolastico ne risente, così come le relazioni personali.

Il disturbo da deficit di attenzione nei bambini è tra i maggiori motivi di preoccupazione tra i genitori. Tuttavia, a causa della sua complessità, è difficile ottenere una diagnosi precisa appena vengono notati i primi sintomi.

Un bambino con ADHD (“disturbo da deficit di attenzione e iperattività”) ha più difficoltà degli altri a concentrarsi o a stare fermo. Acquisisce anche comportamenti impulsivi e trova difficile stabilire relazioni personali a scuola, in famiglia e negli ambienti che frequenta.

Il disturbo di solito viene diagnosticato verso i 7 anni di età, ma alcuni dei sintomi si presentano già prima. La difficoltà di diagnosi del disturbo da deficit di attenzione nei bambini risiede nel fatto che tra i 4 e i 6 anni di età, è più difficile riconoscere tale condizione, dal momento che i sintomi spesso possono essere associati al comportamento tipico dei bambini più piccoli.

È importante conoscere meglio questa sindrome ed essere in grado di capire se il bambino ha bisogno di essere seguito.

Come riconoscere il Deficit di attenzione nel bambino – Quali sono le cause?

Si ritiene che possano essere coinvolti fattori genetici, neurologici e ambientali come causa del deficit di attenzione nei bambini.

Tra le possibili cause troviamo:

  • Storia familiare di ADHD o disturbi mentali.
  • Difficoltà a regolare il livello di alcune sostanze chimiche nel cervello come la dopamina e la noradrenalina.
  • Fumare e bere alcol in gravidanza.
  • Consumo di cibi con additivi alimentari come i coloranti artificiali, che possono peggiorare una situazione di iperattività.
  • Danni o lesioni cerebrali.

Alcuni studi suggeriscono anche un legame tra il consumo di zucchero raffinato e lo sviluppo dell’ADHD. Tuttavia, non ci esistono prove scientifiche sufficienti per confermare questa ipotesi.

Come riconoscere il Deficit di attenzione nel bambino – Sintomi che aiutano a rilevare il Deficit di attenzione

I sintomi del Deficit di attenzione nel bambino sono variabili e tendono a cambiare con le fasi di sviluppo del bambino. Non è da escludere che questo disturbo dell’attenzione possa trascinarsi fino all’adolescenza e all’età adulta.

La presenza di uno o più sintomi non garantisce naturalmente una diagnosi in questo senso. La cosa migliore da fare in presenza di uno più segnali è rivolgersi a uno specialista, come il neurologo o uno psichiatra pediatrico.

Gli esami e le prove, prima di formulare una diagnosi definitiva di ADHD, possono richiedere diversi mesi e includere una serie di colloqui con genitori e insegnanti.

Sintomi del deficit di attenzione nel bambino:

  • Ha difficoltà a concentrarsi e a prestare attenzione.
  • Ha difficoltà a seguire le istruzioni.
  • È disorganizzato.
  • Perde oggetti importanti.
  • Dimentica dettagli importanti quando deve fare i compiti o svolgere un lavoro.
  • Non è in grado di concentrarsi su un singolo compito o gioco.
  • Ha difficoltà a capire quanto gli viene detto o legge.
  • Rifiuta le attività mentalmente impegnative.
  • Si annoia facilmente e abbandona spesso un’attività prima di completarla.
  • Compie errori di disattenzione.

Come riconoscere il Deficit di attenzione nel bambino – Diagnosi e trattamento

Per formulare una diagnosi precisa del disturbo da deficit di attenzione, occorre un processo che richiede mesi. Lo specialista o il pediatra specializzato nell’ADHD farà riferimento ai criteri indicati nel “Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5)”.

La tempistica lunga è dettata dalla necessità di conoscere bene il bambino e analizzare il suo rapporto con l’ambiente. È perciò essenziale conoscere anche la famiglia e le persone vicine. Una volta confermato il disturbo, il piano terapeutico varia di caso in caso.

In alcune situazioni si prescrivono farmaci, ma il primo passo consigliato è quasi sempre la terapia comportamentale. A volte è necessario utilizzare le due strategie in modo sinergico. La durata del trattamento per il Deficit di attenzione (ADHD) non può essere stabilita a priori, dipende da come reagisce ed evolve il bambino.

Come riconoscere il Deficit di attenzione nel bambino

Back to list

ULTIMI ARTICOLI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.