L’iperattività nei Bambini, come può intervenire un Genitore?

L’iperattività nei bambini, come può intervenire un genitore?

L’iperattività nei bambini è un disturbo comportamentale caratterizzato da difficoltà di attenzione, coordinazione, percezione, linguaggio, memoria.

È un bambino impulsivo, costantemente in movimento, pieno di energia ed instancabile, spesso si fa male ma non serve mai da lezione; rappresenta un pericolo non solo per se stesso, ma anche per i suoi compagni: è questo il quadro di un bambino iperattivo.

La sindrome dell’iperattività o sindrome da deficit dell’attenzione ”ADHD“, colpisce tra il 3% e il 5% dei bambini. Essa è caratterizzata da disturbi associati, il principale dei quali non è proprio l’iperattività, ma il deficit dell’attenzione. Da qui l’incredulità dei genitori quando viene fatta la diagnosi.

Il termine Iperattività  è molto abusato, lo usiamo spesso anche per parlare di bambini turbolenti, agitati, soggetti a un’educazione troppo rigida o, al contrario, troppo lassista.

Può essere difficile distinguere la semplice agitazione dall’iperattività infantile, spesso un bambino semplicemente vivace e turbolento può essere confuso con un bambino iperattivo, affetto dunque da una patologia. Un bambino irrequieto, turbolento o capriccioso non può essere definito “iperattivo” in senso medico.

L’iperattività non è un disturbo recente, improvvisamente irrotto nel campo della psicopatologia infantile, tutt’altro, si trovano le prime descrizioni cliniche dettagliate dell’iperattività già dalla fine dell’800.

L’iperattività nei bambini, come può intervenire un genitore? – Sintomi dell’iperattività del bambino

Non è semplice ottenere una diagnosi certa di iperattività nel bambino prima dei 5 anni, ma ci sono dei fattori comuni tra i bambini affetti da iperattività. Oltre all’agitazione e all’incapacità di controllare le energie, questi bambini sono anche imbarazzati dalla loro stessa impulsività e dalla loro mancanza di controllo dei gesti, delle loro reazioni emotive che provocano spesso l’irritazione dell’adulto o dei loro amici.

Un fattore sempre presente è l’avere poca attenzione che si manifesta con errori di disattenzione. Questo, inevitabilmente si ripercuote sul loro andamento scolastico. Per i bambini iperattivi, infatti, non è semplice terminare i compiti, mantenere alta la soglia dell’attenzione a scuola durante le lezioni.

L’iperattività nel bambino si manifesta con sintomi eterogenei che cambiano da bambino a bambino. Tuttavia si possono identificare dei comportamenti comuni caratterizzati da difficoltà chiare in tre aree:

  • iperattività;
  • impulsività;
  • disattenzione.

L’iperattività nei bambini, come può intervenire un genitore? – Cause dell’iperattività del bambino

Il concetto di iperattività ha suscitato le più aspre controversie e continua ancora oggi a dividere gli specialisti nel mondo dell’infanzia.

Non è semplice individuare le cause dell’iperattività nei bambini, solitamente questo disturbo è il frutto della coazione di più fattori preesistenti, è necessario indagare sulla storia dei genitori, l’eventuale assunzione di sostanze chimiche o tossiche, le condizioni di parto, l’assunzione di droga o alcool.

Per prima cosa, l’iperattività è solo una delle molteplici sfaccettature comportamentali a cui un bambino può ricorrere per esprimere un conflitto emotivo. L’iperattività è da considerarsi quindi come come il sintomo di una incapacità di gestire le energie ed incanalarle nel modo giusto.

L’esame globale per determinare i sintomi dell’iperattività nei bambini è abbastanza complesso e può essere eseguito a partire dai 4 anni. In effetti, diversi specialisti ritengono che ci siano diversi “gradi” di iperattività.

Il medico che lo tratta deve studiare attentamente la psicologia del bambino per determinare le difficoltà di concentrazione che può avere, la sua impulsività e la sua irrequietezza psicomotoria per prescrivere il trattamento ideale per la sua iperattività. Devono essere presi in considerazione anche sintomi collaterali come disturbi del sonno o epilessia.

Stabilire una diagnosi affidabile rimane difficile, soprattutto perché i bambini sono giovani: l’assenza di specifici test è aggravata dall’eterogeneità di questo disturbo e dalle sue manifestazioni, tra cui le cause organiche che sono ancora poco comprese.

Nella maggior parte dei casi la diagnosi viene fatta solo in età scolare, anche se la maggior parte dei sintomi appare prima dei sette anni. Grazie alle osservazioni quotidiane degli educatori, è possibile rilevare sintomi simili a questo disturbo comportamentale e agire immediatamente per aiutare il bambino e i suoi genitori nel miglior modo di vivere con più alleviato questa difficoltà.

I farmaci da soli non sono sufficienti per trattare l’iperattività da deficit di attenzione. Il bambino e la sua famiglia devono essere accompagnati per gestire il disturbo. Due terapie sono utilizzate principalmente per l’ADHD: terapia familiare e terapia cognitivo-comportamentale. Il primo mira a rafforzare le capacità familiari al fine di aiutare i genitori a gestire meglio i disturbi del proprio bambino. La terapia cognitivo-comportamentale agisce sul comportamento e sui pensieri consentendo di lavorare su tutte le dimensioni del disturbo.

I genitori devono essere coinvolti nel trattamento di questo disturbo perché il bambino non seguirà sempre correttamente il suo trattamento.

L’iperattività nei bambini, come può intervenire un genitore? – Il ruolo del genitore di un bambino affetto da ADHD 

A causa dei suoi ricorrenti cambiamenti di umore, della sua impulsività e dei suoi numerosi disturbi comportamentali, un bambino che soffre di iperattività è spesso vittima di un rifiuto da parte dei suoi compagni di classe e di rimproveri da parte dei genitori.

Quando cresce, il bambino inizia a rendersi conto della sua differenza e questo  può portarlo ad isolarsi, a soffrire di un complesso di inferiorità e finire per avere un’autostima molto bassa.

Fargli capire perché incontra queste difficoltà, parlare apertamente della presenza di questo disturbo una volta fatta la diagnosi, è il primo passo verso la sua salvezza. Anche se non potete curare il disturbo della disattenzione, puoi aiutarlo attraverso l’educazione stabilendo alcune regole e aiutandolo a capire che non è colpa sua.

Il ruolo del genitore di un bambino affetto da ADHD è quello di proteggerlo dalla complessa spirale del senso di colpa che di sicuro lo affligge e di offrirgli la possibilità di avere successo nella vita, nonostante la sua disabilità.

Vostro figlio soffre di iperattività? Pazienza, fermezza e disciplina ti aiuteranno a gestirlo meglio e ad aiutarlo quotidianamente .

Il bambino iperattivo non riesce a controllare le sue energie, per questo spetta a te, genitore, controllarlo senza soffocarlo stabilendo alcune regole di condotta quotidiane. Date delle istruzioni chiare e semplici. Assicurate che capisca cosa gli avete chiesto di fare chiedendogli delle conferme e quando gli parlate mettetevi alla sua altezza, guardatelo negli occhi e assicuratevi che faccia lo stesso.

L’iperattività nei bambini, come può intervenire un genitore?

Rispondi