2 Giugno – Disegni per La Festa della Repubblica Italiana

2 Giugno – Disegni per La Festa della Repubblica Italiana
Scuola Primaria

In questo articolo trovate diverse risorse per spiegare ai bambini in modo semplice cosa è la Festa della Repubblica Italiana. Trovate una raccolta di disegni da colorare per bambini e una breve spiegazione.

Potete scaricare e stampare tutto il materiale su ‘La Festa della Repubblica Italiana‘ in maniera gratuita cliccando sul tasto “Download“.

2 Giugno – La Festa della Repubblica Italiana spiegata ai Bambini

Cosa si festeggia il 2 Giugno?

La parola “Repubblica” deriva dal latino “res-pubblica” significa cosa pubblica cioè di tutti, infatti si distingue dalla monarchia assoluta perché la sovranità appartiene al popolo. Il 2 giugno per la prima volta in Italia il diritto di voto fu esteso anche alle donne, fino ad allora escluse dall’elettorato. Tutti gli italiani ebbero una scheda sulla quale bisognava mettere una croce per scegliere tra repubblica e monarchia. La scelta da parte della maggioranza della popolazione fu quella di uno stato repubblicano e così l’Italia divenne una repubblica democratica e la monarchia fu abolita.

La Festa della Repubblica Italiana è una giornata celebrativa nazionale italiana istituita per ricordare la nascita della Repubblica Italiana. Si festeggia ogni anno il 2 giugno, data del referendum istituzionale del 1946, con la celebrazione principale che avviene a Roma. Fino ad allora l’Italia era monarchia costituzionale, ovvero c’era un re (monarca) e il potere veniva trasmesso per via ereditaria secondo le leggi di successione dinastica. Poi ci fu il ventennio di dittatura con il fascismo e gli anni sanguinosi della lunga e terribile guerra aveva seminato distruzione, morte, carestia e dolore. Vi era quindi la necessità di ricostruire partendo dalla forma di governo da scegliere tra l’esistente monarchia oppure passare ad uno stato repubblicano. Con il referendum del 2 giugno 1946 l’Italia scelse la Repubblica.

2 Giugno – Disegni per La Festa della Repubblica Italiana per bambini

Rispondi