Quando va portato un Bambino dal Logopedista?

Quando va portato un bambino dal logopedista?
Scuola infanzia e Scuola primaria

Il logopedista è uno specialista che può aiutare a riconoscere e superare difficoltà e intoppi nell’apprendimento e nell’uso del linguaggio del bambino.

L’apprendimento del linguaggio è un processo molto soggettivo. Le linee guida dicono che un bambino di due anni dovrebbe saper pronunciare dalle 100 alle 200 parole circa, oltre ad alcune frasi semplici. Se il piccolo pronuncia meno di 50 parole è consigliato un controllo per intercettare precocemente eventuali difficoltà.

In linea generale, si può affermare affermare che molti bambini che parlano in maniera più tardiva recuperano spontaneamente, collocandosi tra i tre e i quattro anni nella media per competenze verbali. Una piccola parte di essi invece ha bisogno di un aiuto esterno, senza il quale potrebbe maturare un ritardo del linguaggio e un conseguente disturbo del linguaggio (che sarà possibile determinare con esattezza attorno ai 3-4 anni di età).

Un intervento precoce può, in alcuni casi, servire a prevenire difficoltà future che diversamente verrebbero riconosciute troppo tardi, quando ormai il bambino frequenta la prima elementare e potrebbe iniziare a manifestare problemi di lettura o scrittura, o difficoltà relazionali ed emotive.

Quando va portato un bambino dal logopedista? – Visita logopedica bambini: che cosa è?

Non sempre l’apprendimento del linguaggio è per il bambino un percorso semplice e senza ostacoli: non di rado possono manifestarsi difficoltàritardi o intoppi che possono essere risolti solo con un intervento logopedico.

Il logopedista, in équipe multidisciplinare, può intervenire inoltre nei disturbi neuropsicologici, come disturbi specifici di apprendimentodeficit di attenzione o altre difficoltà neuropsicologiche.

Quando va portato un bambino dal logopedista? – Cosa fa questo professionista?

La logopedia è la branca della medicina che si occupa di studiare il linguaggio e le sue eventuali problematiche. Tuttavia, il logopedista non è un medico, ma uno specialista in grado di agire sulle difficoltà legate al linguaggio, alla comunicazione, alla parola e alla voce.

Il logopedista fa da ponte, fornendo a educatori e insegnanti informazioni cliniche, strumenti pratici e strategie per permettere al bambino di affrontare e superare le difficoltà che incontra nell’apprendimento e nella comunicazione, valorizzando i suoi punti di forza. A tal proposito, il logopedista può produrre una relazione senza fini diagnostici ma esclusivamente valutativa.

Grazie alla collaborazione con figure abilitate alla diagnosi dei disturbi del linguaggio (psicologo e neuropsichiatra infantile), è possibile intraprendere un percorso di valutazione neuropsicologica, che potrebbe produrre una certificazione valida per la scuola.

Quando va portato un bambino dal logopedista? – Quanto dura un ciclo di logopedia? E quanto costa?

Non si può conoscere la durata di un percorso logopedico, perché dipende da vari fattori: aderenza al trattamento, disponibilità dei genitori a sostenere i progressi del bambino, ambiente favorevole, tipo di diagnosi e presenza o assenza di fattori emozionali o comportamentali che potrebbero sostenere oppure ostacolare lo sviluppo del bambino.

Generalmente l’impegno varia da dieci sedute a più anni di trattamento, fino a  due o tre. Le esigenze dei bambini inoltre cambiano nel tempo pertanto il trattamento seguirà i progressi e adatterà gli obiettivi alla crescita nel tempo. La tariffa in genere varia da 50 a 70 euro l’ora, a seconda della tipologia di intervento.

Quando va portato un bambino dal logopedista?

Visita logopedica bambini: che cosa è?

Quanto dura un ciclo di logopedia? E quanto costa?

Rispondi